Come bruciare i grassi grazie a una buona dieta

Dimagrire in modo sano, veloce con un regime alimentare in grado di sciogliere tutti i depositi adiposi, anche quelli più tenaci e resistenti. Non è un sogno ma è l’obiettivo della dieta bruciagrassi, un regime studiato proprio per aiutarti a snellire anche le zone più difficili come addome, braccia e glutei.

Cos’è la dieta bruciagrassi?

Questa dieta è basata sul principio della beta-ossidazione. Il nostro organismo ha bisogno di tanta energia per svolgere al meglio le attività quotidiane; il carburante è ovviamente rappresentato dal cibo introdotto con i pasti e i vari spuntini giornalieri. La differenza tra quello che consumiamo e le calorie in eccesso si trasforma in tessuto adiposo e di conseguenza in chili in più.

Lo scopo di questo regime alimentare è proprio quello di ricavare energia da questi accumuli adiposi, utilizzando quindi i grassi come “benzina” al posto dei carboidrati.

Ma come si fa a segnalare al fisico che deve usare come fonte energetica i grassi e non i carboidrati? È proprio qui che entra in azione la dieta bruciagrassi che utilizza una serie di alimenti noti per la loro capacità termogenica. Abbinata a uno stile di vita sano e attivo e a qualche piccola attenzione in più nei confronti di noi stessi, è lo schema dietetico perfetto per entrambi i sessi e soprattutto per chi vuole sbarazzarsi dei chili in più in vista dell’estate.

Calcolo del dispendio energetico totale

Il primo passo per perdere grasso è calcolare il tuo dispendio energetico totale che è formato da due voci: le calorie che consumi per muoverti e il metabolismo basale. Quest’ultimo elemento dipende da una serie di fattori variabili da individuo a individuo ed è determinato dall’età, dal sesso, dall’altezza e così via.

Non c’è bisogno di prendere la calcolatrice e perdersi in mille calcoli complicati. Esistono una serie di App gratuite che ti aiutano a sapere in pochi minuti il tuo fabbisogno energetico giornaliero. Questo valore sarà la soglia sotto la quale non dovrai mai scendere perché mangiare poco non ti fa dimagrire più in fretta ma blocca l’ago della bilancia. Quando il tuo fisico si accorge che stai assumendo meno cibo, attiva la modalità “carestia” e cerca di bruciare meno calorie possibili, è un vero e proprio istinto di sopravvivenza! Ecco perché le diete molto restrittive all’inizio sono efficaci e poi non funzionano più.

Il deficit calorico si raggiunge quando bruci più calorie di quelle che introduci con il cibo. Per raggiungere questo obiettivo puoi affidarti al solo movimento, alla sola dieta oppure alla combinazione di questi due fattori.

La dieta ideale per bruciare i grassi: i macronutrienti

Il secondo step è capire come comporre i pasti quotidiani per dimagrire in modo veloce ma soprattutto sano. Partiamo dal primo macronutriente, le proteine.

Le proteine

Le proteine sono macromolecole biologiche che hanno un ruolo fondamentale nella dieta bruciagrassi e sono indispensabili per raggiungere il deficit calorico.

Il corpo impiega molto tempo per elaborarle perché, prima di essere digerite, devono essere scomposte. Questo meccanismo ha una conseguenza molto importante perché ti senti più sazio e più a lungo, riducendo quindi l’abitudine di fare mille spuntini. Le proteine ad alto valore biologico sono fondamentali per i muscoli, per i capelli, le unghie e per numerosi processi metabolici. La quantità ideale giornaliera? Almeno il 30%, non scendere sotto questa soglia!

Proteine consentite:

  • Latticini a basso contenuto di grassi
  • Carne magra (manzo, pollo, tacchino)
  • Pesce (salmone, sardine, tonno, alici)
  • Lenticchie rosse, fagioli, piselli, quinoa

Giù le mani dai grassi!

I grassi sono stati a lungo demonizzati nelle diete. In realtà oggi sappiamo che i grassi non fanno necessariamente ingrassare e non devono mai essere trascurati in un regime alimentare dimagrante. Porta in tavola i grassi buoni, prevalentemente monoinsaturi e polinsaturi di origine vegetale, come l’olio extravergine di oliva ad esempio o anche l’olio di cocco, in quantità ovviamente moderate.

Grassi consentiti:

  • avocado
  • olio extravergine di oliva, olio di cocco, olio di sesamo
  • semi di lino, semi di girasole
  • frutta secca (mandorle, noci, anacardi, pistacchi)

Il ruolo dei carboidrati

Nella dieta bruciagrassi devi privilegiare carboidrati a basso indice glicemico e ricchi di fibre. I cereali raffinati come il pane bianco o la pasta provocano nel sangue forti oscillazioni dei livelli di glucosio che possono portare a picchi glicemici. Questo processo fisiologico influenza negativamente la combustione dei grassi. Tutto quello che non consumi con l’attività fisica o le normali attività quotidiane si trasforma in tessuto adiposo localizzato. Tuttavia, non devi eliminare i carboidrati dalla dieta in quanto sono un’ottima fonte di energia a lento rilascio.

Fonti di carboidrati consigliate:

  • Cereali integrali
  • Fiocchi d’avena, fiocchi di farro
  • Quinoa, amaranto, miglio

Cibi bruciagrassi

Vuoi accelerare i risultati della dieta bruciagrassi ma non sai come fare? È semplice, basta arricchire la tua alimentazione con una serie di cibi e bevande termogenici. Questo termine indica la facoltà di accelerare il metabolismo e aumentare il consumo quotidiano di calorie. Ricchi di principi attivi sani ed equilibrati, questi alimenti rendono più semplice la gestione dei pasti e ti permettono di perdere peso più in fretta e senza rinunciare a gusto e salute.

Il tè verde è una bevanda multitasking. Antiossidante, ricco di flavonoidi e leggermente diuretico, contiene un’elevata quantità di metilaxantine ovvero una serie di sostanze che promuovono e accelerano il processo di lipolisi che permette di smaltire il grasso localizzato.

Un’azione simile è svolta anche dalla capsicina contenuta nel peperoncino. Aggiungere un tocco di piccante ai tuoi piatti quindi può aiutarti a dimagrire più in fretta. Tra i cibi bruciagrassi più efficaci troviamo anche l’avocado, ritenuto erroneamente un frutto troppo grasso per favorire il dimagrimento. In realtà è ricco di grassi monoinsaturi che svolgono un ruolo molto importante nella perdita di grasso addominale. Questo frutto infatti facilita il lavoro del fegato e contribuisce ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

Le fragole non sono solo buone ma contengono pochissime calorie. Mangiate al naturale, stimolano la diuresi e bruciano i grassi. Il pesce è un alleato infallibile sia per la salute che per la dieta. Salmone, tonno ma soprattutto il pesce azzurro mediterraneo sono ricchi di Omega 3 ovvero acidi grassi essenziali che abbassano i livelli di infiammazione nell’organismo, aumentano il metabolismo e proteggono il cuore.

Ottima fonte di proteine, grassi e calcio, lo yogurt greco è uno scrigno di virtù. L’elevato contenuto in acido linoleico coniugato (CLA) lo rende un alimento ideale per promuovere la perdita di peso e la combustione dei grassi. Consumato regolarmente, riduce l’appetito, protegge la massa muscolare durante la perdita di peso e migliora la salute dell’intestino.

Occasionalmente è possibile accelerare i risultati della dieta con una serie di integratori bruciagrassi che contengono sostanze come la caffeina, il citrus aurantium, il guaranà o il gambo d’ananas. Inseriti in uno stile di vita sano e attivo, possono aiutare a perdere peso, aumentando il senso di sazietà.

Una giornata tipo per bruciare i grassi in eccesso

Vediamo, quindi, una giornata tipo per bruciare i fastidiosi grassi in eccesso ed ottenere il nostro peso forma.

Colazione: tè verde senza zucchero, 1 fetta di pane di segale, 40 grammi di prosciutto crudo, 1 coppetta di fragole o un vasetto di yogurt greco al naturale.

Pranzo: 60 grammi di riso basmati o integrale, un uovo sodo, insalata verde, 1 cucchiaino di olio extravergine d’oliva.

Cena: una porzione media di minestrone senza pasta, salmone alla griglia, broccoli al vapore, 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva.

Il sale va usato con parsimonia e sostituito ove possibile con spezie ed erbe aromatiche. Gli spuntini non sono ammessi. Tuttavia, in caso di attacchi di fame improvvisa, è consigliabile mangiare un finocchio oppure un gambo di sedano. Non dimenticare di bere almeno due litri di acqua al giorno per depurare l’organismo e non sovraffaticare i reni.