Acne da mascherina

Come ben saprai la mascherina è divenuta uno degli elementi essenziali per proteggere se stessi e gli altri dal COVID-19. Tra gli effetti collaterali emerge però quanto siano aumentati i casi di acne dovuti all’indossarla quotidianamente. Ecco allora come riconoscere questo tipo di eruzione acneica, le cause che la scatenano, nonché tutti gli accorgimenti per rimediare alla cosiddetta maskne, tornando così ad avere una pelle pura ed omogenea.

Cos’è la maskne o acne da mascherina

Nonostante l’utilizzo della mascherina sia di indubbia utilità per allontanare la possibilità di contrarre il virus protagonista dell’attuale pandemia, è altrettanto vero che questa porta con sé alcuni effetti indesiderati tra cui anche la maskne. Maskne, termine che deriva dall’unione delle due parole “mask” (di derivazione inglese e il quale significa mascherina) e “acne” (di origine latina, ovvero “pustole”), sta ad indicare una tipologia di irritazione, la quale compare proprio conseguentemente all’uso prolungato di questa protezione. 

Se ti stessi chiedendo come riconoscerla per poter intervenire contrastandola, devi sapere che questo genere di acne si manifesta proprio nella zona che viene coperta dalla mascherina attraverso la comparsa di:

  • punti neri;
  • rossori;
  • prurito;
  • vere e proprie eruzioni acneiche.

Tieni poi in considerazione che la presenza e la gravità di questo inestetismo possono variare a seconda del dispositivo adoperato, del tempo in cui se ne fa uso, delle proprie abitudini e delle caratteristiche della pelle, in quanto si potrebbe già essere naturalmente predisposti o persino aver avuto dei precedenti.

È altrettanto utile sapere che si potrebbe verificare un’altra situazione parallela e spesso confusa con la maskne. Sebbene anche in questo caso sia dovuta all’eccessivo utilizzo della mascherina, si può distinguere dalla prima in base ad alcuni tratti distintivi. Infatti, nonostante emerga sempre nell’area del naso, delle guance, del mento e del contorno labbra, i brufoli sono di dimensioni più piccole e ulteriormente distinguibili in quanto maggiormente vicini tra loro, meno consistenti e decisamente più superficiali.

Ad avvalorare la differenza, la formazione di questo genere di follicolite non ha nulla a che vedere con il tipo di mascherina. Sia che si tratti di quella in tessuto, della chirurgica usa e getta, oppure di protezioni FFP1, FFP2 o ancora FFP3, il risultato non cambia. Si potrebbe addirittura andare incontro a disidratazione e ragadi; ma questa è un’altra storia. Quello che più è importante è capire di che natura sia il tuo inestetismo sia per prevenirlo attraverso alcuni piccoli accorgimenti, sia per intervenire al meglio una volta formatasi l’acne.

Perché si manifesta l’acne da mascherina

In linea generale si può affermare che l’acne da mascherina si manifesti in seguito ad alcuni specifici fattori scatenanti quali:

  • l’ambiente umido e allo stesso tempo caldo generato dalla respirazione, in quanto i vapori restano intrappolati all’interno della mascherina depositandosi sulla pelle;
  • la proliferazione dei batteri scatenata da questo microclima per loro ottimale;
  • lo sfregamento della mascherina contro la pelle.

L’insieme di questi tre elementi comporta lo sviluppo di alcuni fenomeni come l’accumulo dello sporco e del sebo (i quali a loro volta penetrano all’interno dei pori dilatati dovuti all’ambiente soffocato nonché caldo/umido) e l’irritazione finale.

Altro fattore che non fa altro che aggravare la situazione è lo stress provocato dal periodo che stiamo vivendo. Infatti quest’ultimo non fa altro che alterare gli ormoni favorendo l’aumento della produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee.

Come prevenire la maskne

Sebbene l’utilizzo della mascherina sia inevitabile, devi sapere che esistono dei trucchetti utili per prevenire le problematiche da essa scaturite. Se eseguiti con cura e metodicità, porteranno la tua pelle sia a preservare un buono stato di salute e bellezza, sia ad un netto miglioramento nel caso in cui l’acne si fosse già presentata sul tuo volto.

A tal proposito, dopo aver effettuato alcuni studi, l’American Academy Of Dermatology Association (AAD) ha suggerito alcune mosse utili e tra queste le seguenti:

  1. in primo luogo è fondamentale detergere la pelle con cura ogni giorno e senza sfregare troppo, assicurandosi di utilizzare prodotti delicati e privi di profumo. Si potrà poi passare al risciacquo con dell’acqua tiepida, tamponando infine con un panno morbido per asciugarla;
  2. lo step successivo sarà quello di adoperare sul viso una lozione/crema idratante ricca di ceramidi e acido ialuronico. Servirà a mantenere il giusto equilibrio idrolipidico;
  3. per una protezione completa è altrettanto necessario applicare della vaselina sulle labbra;
  4. sarebbe poi altrettanto consigliabile evitare di truccare l’area sottostante la mascherina, limitando il make-up alla zona degli occhi o quantomeno, se proprio non si riesce a farne a meno, adoperando prodotti non comedogenici. In questo modo verrà notevolmente ridotto l’accumulo di punti neri e impurità causati da sostanze poco rispettose della pelle;
  5. ancora no a scrub e peeling aggressivi per tentare di porre rimedio al problema, in quanto potrebbero aggravare ulteriormente la situazione;
  6. quando la pelle risulta irritata, ridurre al minimo il numero dei prodotti utilizzati la aiuterà a ritrovare il normale equilibrio del film idrolipidico;
  7. la scelta della mascherina è allo stesso modo fondamentale in quanto deve essere aderente ma confortevole, così da non sfregare la pelle scivolando qua e là ed evitando quindi di sistemare spesso la protezione per riportarla alla posizione corretta. Infatti in quest’ultima ipotesi, toccando frequentemente l’area corrispondente, non si farà altro che trasferire una maggiore quantità di germi e batteri, aumentando così anche la probabilità di sviluppare l’acne;
  8. il tessuto della mascherina possiede anch’esso la sua importanza e dovrebbe essere naturale e traspirante come ad esempio il cotone. Evita quindi di mettere a stretto contatto con la pelle tessuti di natura sintetica come ad esempio il nylon, il poliestere o ancora il rayon;
  9. ogni circa quattro ore di mascherina indossata, cerca un luogo isolato e sicuro nel quale poter fare una pausa di un quarto d’ora senza il dispositivo di protezione. Ovviamente prima di procedere alla rimozione, assicurati di aver lavato con cura le mani;
  10. infine, ma non per importanza, ricorda di lavare sempre le mascherine di stoffa. Sebbene possa sembrare eccessivo, è importante farlo dopo ogni utilizzo con un detersivo delicato. Servirà a rimuovere impurità e cellule morte evitando un abbondante accumulo sulla pelle del viso.

Rimedi naturali per l’acne da mascherina

Nel caso in cui l’acne da mascherina fosse già comparsa, non avrai nulla da temere, dal momento che anche in questo caso esistono numerose possibilità per intervenire in modo efficace e del tutto naturale. Ti basterà scegliere uno di questi prodotti lasciandolo agire sulla zona interessata e la situazione tornerà presto alla alla normalità.

  • Olio di tea tree: applicandolo esclusivamente sul brufolo, interviene come antimicrobico, combattendo ed ostacolando i microbi che si accumulano sulla pelle, al di sotto della mascherina. D’altro canto è però importante non eccedere nelle quantità, dal momento che potrebbe divenire irritante.
  • Olio di calendula: possiede una potente azione sfiammante e cicatrizzante.
  • Olio di iperico: anche in questo caso abbiamo a che fare con un antinfiammatorio, nonché cicatrizzante.
  • Olio di enotera: favorisce il rinnovo delle cellule.
  • Gel di aloe vera: rinfresca la pelle e lenisce le infiammazioni tra cui anche la maskne.

Potrebbe interessarti Brufocare per la cura dell’acne da mascherina

Come puoi dedurre dai dati emersi, nonostante l’utilizzo della mascherina porti ad una facile, nonché rapida formazione dell’acne, è altrettanto semplice trovare dei rimedi per contrastarla o prevenirne la comparsa. Basterà essere costante e non dimenticare mai l’importanza della cura della persona, soprattutto in un periodo come questo, nel quale per contribuire alla riduzione dello stress, è fondamentale quantomeno vedersi belli e in ordine. Grazie a questi utili consigli il raggiungimento di tale obiettivo sarà più semplice del previsto! Provare per credere!